Il Papa a Montecitorio: clemenza ai carcerati - Per la pace non vale la logica dei conflitti

Giovedì
20:51:24
Novembre
14 2002

Il Papa a Montecitorio: clemenza ai carcerati - Per la pace non vale la logica dei conflitti

Casini: "Momento storico"

View 135.3K

word 558 read time 2 minutes, 47 Seconds

ROMA -- Un Papa per la prima volta da 150 anni in qua oggi, giovedì, ha varcato la soglia del parlamento. Un momento storico per l’Italia, quando Giovanni Paolo II è entrato nel palazzo della politica. Prima di farlo ha benedetto la folla in attesa sulla piazza. Le persone assiepate dietro le transenne hanno risposto con uno scrosciante applauso.

Subito dopo il Pontefice ha ricevuto l’omaggio di un reparto dei carabinieri che era dispiegato nella piazza. Poi è entrato nella Camera dei deputati Palazzo di Montecitorio dove lo attendevano i presidenti della Camera e del Senato, Pierferdinando Casini e Marcello Pera.

Poi Giovanni Paolo II ha parlato. È "davvero profondo", ha detto, il legame che esiste tra Santa Sede e Italia, Paese nel quale l’annuncio evangelico, qui giunto fin dai tempi apostolici, ha suscitato una civiltà ricca di valori universali ed una fioritura di mirabili opere d'arte".

Tale legame, pur nelle "vicissitudini e contraddizioni" della storia, ha suscitato "impulsi assai positivi" sia per l’Italia che per la Chiesa.

Poi il Papa ha chiesto clemenza per i detenuti, ha parlato del calo demografico e della situazione internazionale.
"Calo demografico grave minaccia per l’Italia

La "grave minaccia" della "crisi delle nascite" pesa, secondo Giovanni Paolo II sul futuro italiano. Essa porta "declino demografico" e "invecchiamento della popolazione" e di fronte ai "problemi umani, sociali ed economici che questa crisi inevitabilmente porrà all’Italia nei prossimi decenni", "obbliga" ad un impegno responsabile e convergente, per favorire una netta inversione di tendenza, prima di tutto con la promozione della "famiglia come società naturale fondata sul matrimonio".
La pace: "La logica di scontro non porta a soluzioni

Le "speranze di pace" che hanno accompagnato la nascita del nuovo secolo, ha detto il Papa, "sono brutalmente contraddette dall’inasprirsi di cronici conflitti, a cominciare da quello che insanguina la Terra Santa.

A ciò s'aggiunge il terrorismo internazionale con la nuova e terribile dimensione che ha assunto, chiamando in causa in maniera totalmente distorta anche le grandi religioni".

Ma "l’Italia e le altre Nazioni che hanno la loro matrice storica nella fede cristiana sono quasi intrinsecamente preparate ad aprire all’umanità nuovi cammini di pace, non ignorando la pericolosità delle minacce attuali, ma nemmeno lasciandosi imprigionare da una logica di scontro che sarebbe senza soluzioni".
"Penoso il sovraffollamento delle carceri

Il Papa ha poi chiesto un "segno di clemenza" verso i detenuti "mediante una riduzione della pena".

Tale gesto sarebbe da parte delle istituzioni "una chiara manifestazione di sensibilità , che non mancherebbe di stimolarne l’impegno di personale ricupero in vista di un positivo reinserimento nella società ".
Casini: "Lontana la frattura Stato-Chiesa"

La visita di oggi "non fa che rendere ancora più lontano e sfocato nel tempo il ricordo delle fratture che si consumarono e che sono state poi ricomposte e definitivamente superate": lo ha affermato il presidente della Camera Pier Ferdinando Casini.

Casini ha sottolineato come "dopo circa un secolo e mezzo di storia italiana, un Pontefice varca la soglia del luogo che fu per lungo tempo uno dei simboli del potere temporale della chiesa".

"Oggi - ha aggiunto Casini - il rispetto profondo che contraddistingue le due istituzioni permette di esprimere con responsabilità principi di autonomia che sono patrimonio di tutti"

Source by CNN


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Il Papa ...conflitti