Codice rosso: intesa su revenge porn

Martedì
17:18:29
Aprile
02 2019

Codice rosso: intesa su revenge porn

Lega ritira emendamento sulla castrazione chimica.
Il testo in Aula - LA DIRETTA. Per chi diffonde immagini sessualmente esplicite senza il consenso il rischio è del carcere da uno a sei anni e la multa fino a 15mila euro

View 2.9K

word 1.0K read time 5 minutes, 4 Seconds

Sì unanime dell'Aula della Camera all'istituzione del reato di revenge porn. L'emendamento della commissione al ddl sul codice rosso è stato approvato con 461 voti a favore e nessun contrario. L'esito del voto è stato accolto da un applauso, con i deputati Fi e Pd tutti in piedi a battere le mani.

Il testo prevede che chiunque invii, consegni, ceda, pubblichi o diffonda immagini o video di organi sessuali o a contenuto sessualmente esplicito, destinati a rimanere privati, senza il consenso delle persone rappresentate, è punito con la reclusione da uno a sei anni e la multa da 5000 a 15000 euro. La stessa pena si applica a chi, avendo ricevuto o comunque acquisito le immagini o il video li invia, consegna, cede, pubblica o diffonde senza il consenso delle persone rappresentate al fine di recare loro nocumento. La pena è aumentata se i fatti sono commessi del coniuge, anche separato o divorziato, o da una persona che è o è stata legata da relazione affettiva alla persona offesa ovvero se i fatti sono commessi attraverso strumenti informatici o telematici.

La pena viene poi aumentata da un terzo alla metà se i fatti sono commessi in danno di persona in condizione di inferiorità fisica o psichica o in danno di una donna in stato di gravidanza. Il delitto viene punito a querela della persona offesa. Il termine per la proposizione della querela e di sei mesi. La remissione della querela può essere soltanto processuale. "E' una vittoria delle opposizioni", esulta Laura Boldrini, mentre Federica Zanella di Fi puntualizza il testo riprende quello a sua firma "aggiungendo il reato di divulgazione e l'aumento di pena per le condotte realizzate ai danni di disabili.

La settimana scorsa le deputate dell'opposizione erano arrivate a scagliarsi contro la presidenza dopo il nulla di fatto sulla questione.

Intanto la Lega ha ritirato l'emendamento alla legge contro la violenza sulle donne che avrebbe introdotto sulla castrazione chimica. Lo ha detto il ministro Giulia Bongiorno. "Siamo consapevoli - ha detto - che questo emendamento, in questa fase, non è condiviso dal M5S. Abbiamo una priorità, in questo momento, che è quella di fare andare avanti in maniera compatta il Governo e questo provvedimento" contro la violenza sulle donne. La Lega ritiene che una norma sulla cosiddetta castrazione chimica per i colpevoli di violenza sessuale sia "utile", per questo "farà parte di un nuovo ddl che presenteremo". Si tratterà di un "trattamento farmacologico, volontario, reversibile, come già previsto in altri Paesi", ha spiegato.

cosa accadeva il 29 Marzo
Codice rosso: maggioranza divisa sulla castrazione chimica. Ira delle deputate dell'opposizione
Caos in Aula. A scatenare la protesta delle deputate il rinvio del revenge porn

Ira delle donne delle opposizioni per il rinvio del revenge porn nel disegno di legge sul 'codice rosso'. Le deputate vanno all'attacco del governo: un gruppo di Fi, guidato da Stefania Prestigiacomo, tenta un 'assalto' ai banchi dell'Esecutivo. La Prestigiacomo viene placcata dai commessi, mentre il presidente Fico la richiamava all'ordine. La seduta viene sospesa.

Mentre si susseguivano gli interventi a raffica dei deputati di Fi per invitare ad approvare l'emendamento che introduce il reato di revenge porn, Prestigiacomo è partita verso i banchi della presidenza. Dietro a lei si sono visti correre, tra le altre, Giusi Bartolozzi, Mara Carfagna, Benedetta Fiorini e Michaela Biancofiore.

Ed è slittato a martedì nell'Aula della Camera l'esame del disegno di legge 'codice rosso': lo ha deciso la conferenza dei capi gruppo di Montecitorio, riunitasi dopo che le deputate di Fi hanno occupato l'Aula. L'esame del testo ripartirà dall'emendamento di Forza Italia volto a punire il revenge porn. "Martedì si deve votare l'emendamento sul revenge porn, un primo passo per poi passare anche alla legge che abbiamo già depositato in Parlamento", ha detto poi da Washington il vicepremier Luigi Di Maio.

La maggioranza, intanto, è divisa sul nodo dell'emendamento leghista sull'introduzione - in alcuni casi - della castrazione chimica. Sulla proposta della Lega, infatti, sono diversi i dubbi del M5S. E alcune fonti parlamentari del Movimento contestano il merito e il metodo della proposta. Per questo, l'approvazione del provvedimento è slittato alla prossima settimana.

La castrazione chimica "è una forma di trattamento terapeutico inibitore della libido che, nel caso dell'emendamento che noi proponiamo, può essere proposto, non imposto. Non può essere obbligatorio", ha sottolineato il ministro della Pubblica Amministrazione, Giulia Bongiorno, ospite di Sky Tg24. E' un trattamento che, ha rimarcato, "il soggetto può scegliere" e che è "la condizione per avere il bonus della sospensione" della pena. La violenza sessuale "è un reato schifoso", ha ripetuto.

"La Lega ha annunciato che presenterà un emendamento al 'codice rosso' per introdurre la castrazione chimica. Fratelli d'Italia non può che essere soddisfatta, visto che è una nostra battaglia da sempre", dichiara la senatrice di Fratelli d'Italia, Daniela Santanchè.

"Rimane però l'amarezza, - aggiunge - perché già da tempo questa misura poteva essere operativa nel nostro ordinamento, visto che nel decreto Sicurezza presentai un emendamento in tal senso e, inspiegabilmente, fu bocciato dalla Lega. Apprezziamo il rinsavimento, a scoppio ritardato, dei colleghi leghisti ma non vorremmo che si tratti dell'ennesimo annuncio elettorale, alla luce delle parole del capogruppo al Senato del M5S che ha già espresso la sua contrarietà. Non vorremmo registrare l'ennesima marcia indietro della Lega, che stavolta, però, sarebbe sulla pelle delle donne".

"Sono ministro della Salute e anche un medico, quindi non posso essere a favore di un provvedimento che riduca l'integrità psicofisica di una persona", ha detto il ministro alla Salute, Giulia Grillo, riguardo all'emendamento sulla castrazione chimica. "E' praticamente impossibile che dia parere favorevole - ha aggiunto - lavoriamo sull'inasprimento delle pene, è là, fra virgolette, che dobbiamo castrare certi comportamenti, che sono obbrobriosi".

Le replica il ministro Salvini: "È sperimentale volontariamente in tanti Paesi occidentali: quindi ci sono persone che chiedono di essere messe in condizione di non avere più gli istinti per commettere violenze bestiali e quindi qualcuno studi quello che viene sperimentalmente applicato in altri Paesi".

Source by ANSA


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Codice r...enge porn