Iraq: uccisi soldati Usa le fonti dicono 11, e decine di iracheni- e Moqtada Sadr annuncia due giorni di tregua.

Lunedì
09:04:14
Aprile
19 2004

Iraq: uccisi soldati Usa le fonti dicono 11, e decine di iracheni- e Moqtada Sadr annuncia due giorni di tregua.

View 165.3K

word 323 read time 1 minute, 36 Seconds

BAGHDAD - Secondo quanto riferito da un giornale Usa e da fonti militari, sono Undici le vittime di guerra di cui 5 marine americani uccisi nel corso di una battaglia durata per tutto il giorno e altri sei soldati americani hanno perso la vita, durante week end segnato da scontri a fuoco in tutto l’Iraq.

Fonti dei servizi segreti dei marine hanno detto ai giornalisti che nella zona il corpo ha subito un massiccio attacco da parte di 300 combattenti iracheni a colpi di mortaio.

Dopo un'iniziale smentita, la Prima Divisione Marine ha poi confermato le morti, aggiungendo che negli scontri sarebbero morti circa 30 guerriglieri miliziani.

Intanto, per Fallujia, un altro focolaio di rivolta in Iraq contro le forze alleate e un feudo dei guerriglieri sunniti, è il secondo giorno di calma. Ma cinque civili sono morti nella notte nella vicina cittadina di Karma mentre cercavano di trovare riparo a un bombardamento da parte delle truppe Usa, riferiscono alcuni testimoni.

«Najaf, Moqtada Sadr annuncia tregua due giorni»
- Il giovane leader sciita ribelle Moqtada al Sadr ha dichiarato un cessate il fuoco di due giorni nella città santa di Najaf. Lo ha annunciato oggi il suo portavoce, Qays al Khazali. Al Khazali, ha precisato che la milizia di Sadr interromperà le operazioni a Najaf e dintorni Lunedì e Martedì, per la commemorazione dell’anniversario della morte di Maometto.

La tensione resta alta a Najaf, circondata da circa 2.500 soldati Usa che hanno l’ordine di uccidere o catturare il religioso sciita ribelle Moqtada al-Sadr, protetto dalla sua milizia Mehdi.

Un portavoce del religioso ha detto ieri che i negoziati sono giunti a un punto morto. Un portavoce statunitense ha invece negato che si siano svolti colloqui diretti, sebbene abbia ammesso che l’amministrazione irachena a guida statunitense stia cercando di evitare un bagno di sangue in città .

Source by PRESS


LSNN is an independent publisher that relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources. LSNN is the longest-lived portal in the world, thanks to the commitment we dedicate to the promotion of authors and the value given to important topics such as ideas, human rights, art, creativity, the environment, entertainment, Welfare, Minori, on the side of freedom of expression in the world «make us a team» and we want you to know that you are precious!

Dissemination* is the key to our success, and we've been doing it well since 1999. Transparent communication and targeted action have been the pillars of our success. Effective communication, action aimed at exclusive promotion, has made artists, ideas and important projects take off. Our commitment to maintain LSNN is enormous and your contribution is crucial, to continue growing together as a true team. Exclusive and valuable contents are our daily bread. Let us know you are with us! This is the wallet to contribute.

*Dissemination is the process of making scientific and technical information accessible to a non-specialist public. This can come through various forms, such as books, articles, lectures, television programs and science shows.


Similar Articles / Iraq: uc...i tregua.