Come sarà la sanità del futuro

Lunedì
15:19:12
Aprile
19 2010

Come sarà la sanità del futuro

L’organizzazione, le persone, la tecnologia stanno cambiando. In un volume pubblicato da Egea, gli scenari possibili per il nostro sistema sanitario

View 133.1K

word 820 read time 4 minutes, 6 Seconds

Milano: Difficile dire oggi quale sarà il volto della sanità italiana tra una ventina danni. Una cosa però è certa: sarà sempre più costosa a causa dellinvecchiamento della popolazione e dellaumento della cronicità di molte patologie, dovrà probabilmente trarre da un mix di finanziamento pubblico e privato il proprio sostentamento e dovrà rivedere i propri assetti di governance, la logistica e più in generale la propria missione, anche grazie al continuo sviluppo delle tecnologie mediche. Diversi gli scenari possibili, come indica La sanità futura. Come cambieranno gli utenti, le istituzioni, i servizi e le tecnologie (Egea, 2010, pagg. 304, 29 euro), un volume a cura diFrancesco Longo, direttore del Cergas Bocconi, Mario Del Vecchio, direttore del master in management sanitario della Bocconi e Federico Lega, direttore d! ella laurea specialistica in amministrazioni pubbliche e istituzioni internazionali dellUniversità.

Il volume, frutto di un lavoro di ricerca di tre anni, prospetta e discute le possibili vie che il nostro sistema sanitario può imboccare e lo fa partendo dagli elementi di discontinuità, dalle fratture, che lattuale sistema progressivamente subirà. La prima è indubbiamente la scarsità di risorse future: "Secondo alcuni osservatori”, chiarisce Mario Del Vecchio, "in mancanza di correttivi, nel 2050 la spesa sanitaria italiana potrebbe più che raddoppiare rispetto ai livelli attuali. Oggi la spesa è del 9% del pil, sebbene sia leggermente inferiore al 9,5% della media europea”. Sulle fonti di finanziamento, "ci attendiamo la diffusione di logiche che contemplano più di una fonte: la variabile rilevante sarà il mix tra queste fonti rispetto al totale”, aggiunge Francesco Longo. La seconda è poi il ruolo stesso che la sanità gioca nel più amp! io sistema economico: proprio per le sue dimensioni, secondo i ricercatori Bocconi, essa è destinata a rimanere uno dei settori più rilevanti se non addirittura il più grande in assoluto.

Altri elementi sui quali si basano gli scenari costruiti dal volume, sono la progressiva differenziazione su più livelli, regionale, nazionale e sovranazionale, delle architetture istituzionali, con forti spinte alla globalizzazione, la progressiva segmentazione della domanda di salute, con target sempre più specifici e distinti, e lallargarsi della cultura della salute, con lo sviluppo di aree, per il momento distinte, più legate al concetto di benessere e wellbeing. Cambieranno gli ambiti di produzione e consumo di sanità, anche perché è atteso un aumento della cronicità delle patologie. E perché è in crescita il tasso di mobilità dei pazienti. Infine, il volume considera il cambiamento tanto nelle professioni sanitarie, nei modelli organizzativi e, ultimo ma non ultimo, nellimpatto che potrebbe avere sullinsieme della sanità la trasformazione tecnologica che render&agrav! e; possibile anche un ripensamento della logistica degli ospedali, con strutture in qualche modo virtuali e un maggior coinvolgimento attivo del paziente.

Partendo da questi elementi di discontinuità della sanità di oggi, il volume mette a punto diversi scenari, provando a verificarli attraverso la proposizione di un sondaggio (nominal group technique) a opinion leader della nostra sanità. Ciò che ne emerge sono diversi futuri possibili, ma con alcuni che hanno più probabilità di verificarsi (e un maggiore impatto complessivo) di altri. Circa gli scenari finanziari, per esempio, gli opinion leader sanitari giudicano più probabile una sanità pubblica allargata e competitiva sia verso il pubblico sia verso il privato, con un aumento, allinterno del pubblico, delle prestazioni a pagamento (out of pocket).

Sul fronte della mobilità dei pazienti, potrebbe aumentare il trend attuale: "Si stima”, spiega Longo, "che ogni anno nel mondo intero si muovano verso altri paesi circa 4 milioni di persone. La Thailandia è leader mondiale nellattrarre pazienti, accogliendone 1 milione lanno”. Un mercato globale di sanità che muove oggi dai 20 ai 40 miliardi di dollari, "con stime di crescita fino a 100 miliardi di dollari nel 2012”. Mobilità che si lega alla missione che le aziende sanitarie dovranno studiare per sé in futuro: la presenza di cluster di pazienti sempre più polarizzati e distinti (pazienti evoluti tendenti al self empowerment e pazienti ‘fragili caratterizzati da cronicità delle malattie) potrebbe spingere le stesse aziende a differenziarsi. I pazienti evoluti cercheranno il vantaggio economico per le proprie cure, essendo disposti a spostarsi per trovarlo, i ! secondi faranno invece più riferimento a strutture di prossimità. La partita si gioca dunque nella capacità di attrarre pazienti dallesterno per strutture ad alta specializzazione, mentre dei secondi le aziende dovranno farsi carico sul territorio, con strutture che si despecializzano progressivamente.

"Il paese ha bisogno di alzare lo sguardo su grandi cambiamenti e provare a capirli e governarli”, conclude Longo. "Stanno cambiando i bisogni legati alla sanità, le persone, la tecnologia e i modelli organizzativi. Dobbiamo pertanto definire quali politiche vogliamo intraprendere e quale visione del futuro vogliamo avere. Il volume presenta diverse possibili risposte del sistema sanitario alle sfide attuali, bisogna sceglierne una per evitare che il futuro ci cada addosso. Bisogna farlo oggi e mettere da parte labitudine del paese a ragionare solo sulla contingenza”.

Source by Bocconi


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Come sar...el futuro
from: ladysilvia
by: LANCIA